Trekking sui Colli Asolani: tra i borghi medievali e Palladio

Hotel Belvedere
26.06.2020
0

Il trekking che vi proponiamo oggi vi permetterà di scoprire un altro angolo di Veneto, non molto conosciuto, ma di certo bellissimo. Si parte dalla cittadina di Asolo, uno dei borghi medievali più suggestivi d’Italia, e si continua alla scoperta di colli e ville tra ciliegi e vigneti. Continuate a leggere per scoprire l’itinerario.

Asolo, una finestra sul medioevo

Asolo è detta “la città dei cento orizzonti”: definizione coniata da Carducci per le tante vedute panoramiche, affacciate sui colli. L’itinerario di trekking che vi proponiamo oggi parte proprio da qui, a circa 20 minuti di auto dal nostro hotel.
Salendo verso il centro storico attraverserete la porta Loreggia, dove si trova uno dei simboli della città: un palazzo medioevale con la fontanella Zen. Questa fontana era pensata per i viandanti che arrivavano ad Asolo a piedi e necessitavano di ristoro.
Da piazza Maggiore si sale fino alla Rocca, in cima al colle, da dove potrete ammirare un incantevole panorama su colline e ville. Di ritorno verso il centro non potete assolutamente perdervi il Castello, che insieme alla Rocca è uno dei simboli del paesaggio asolano. All’interno del suo cortile potrete trovare gli edifici della Torre Reata e della Torre civica, da cui ammirare uno straordinario panorama sulla città e sulla pianura.
Qui visse Caterina Cornaro, una delle signore di Asolo. Caterina andò in sposa al re di Cipro nel Quattrocento e, dopo la morte precoce del sovrano, resse il trono per altri 17 anni. Durante la sua vita trasformò il Castello di Asolo in un salotto culturale, circondandosi di intellettuali e artisti.
Lungo via Canova incontrerete invece la casa in cui visse Eleonora Duse, diva e musa amata da Gabriele D’Annunzio.

I colli asolani

A questo punto potrete lasciare Asolo e dirigervi verso il paese di Maser, dove si trova Villa Barbaro, capolavoro del Palladio, una delle più scenografiche tra quelle progettate dall’architetto veneto. La villa oggi è patrimonio UNESCO, ed è stata interamente affrescata da Paolo Veronese. Le sei sale: Sala a crociera, Stanza di Bacco, Stanza dell’Amore coniugale, Sala dell’Olimpo, Stanza del cane e Stanza della lucerna, vengono considerate tra le opere pittoriche più straordinarie del Cinquecento veneto.
Sempre per rimanere in tema di “colpo d’occhio” potrete salire su Colle San Giorgio, con la sua Chiesetta, e ammirare da quassù il panorama sui colli asolani. Se capitate nella stagione giusta, potrete incontrare tantissime specie di uccelli migratori. Infatti, questo luogo viene frequentato soprattutto dagli amanti del “bird watching”, armati di binocolo.

Questo percorso può essere fatto sia a piedi che in bicicletta.
Quelli di Asolo sono detti anche “colli del Prosecco”, per i numerosi vigneti presenti. Quindi, se desiderate cogliere l’occasione, potrete fare tappa o allungarvi, una volta terminata la vostra passeggiata, a degustare dell’ottimo Prosecco Doc di queste zone, in una delle numerose cantine presenti.

Se siete curiosi, approfittate del nostro Pacchetto promozionale Estate “Bike&Hike” a cui potrete aggiungere questo e altri itinerari della nostra proposta “Vivere la Natura a Bassano del Grappa”

 

Continuate a seguirci, per scoprire gli altri percorsi di trekking!

0 Commenti
Lascia un commento

Campi obbligatori *

Belvedere Hotel usa i cookie per offrirti una migliore esperienza di navigazione