PRENOTA DIRETTAMENTE SUL SITO e scopri i vantaggi in esclusiva, solo per te!

Le Mostre in programma al Museo Civico di Bassano

Astoria Hotel
21.01.2022
0

Bassano del Grappa e il Museo Civico iniziano l’anno celebrando l’arte e la bellezza passata e contemporanea con 2 importanti mostre. La prima dedicata alla statua di Ebe realizzata da Antonio Canova, il celebre scultore figlio delle nostre terre, nato e cresciuto nella pedemontana tra il Brenta e il Piave; la seconda invece omaggia la leggendaria figura della fotografa Ruth Orkin.

Entrambe le mostre sono commemorative: la fotoreporter avrebbe compiuto 100 anni lo scorso 3 Settembre mentre di Canova quest’anno cade il bicentenario della sua dipartita e la mostra vuole essere preludio di una serie di eventi dedicati al maestro italiano del Neoclassicismo.

 

Ruth Orkin, leggendaria fotoreporter del 900

Fotografa, fotoreporter, regista e tanto altro. Ruth Orkin è stata una delle figure di spicco di tutta l’arte del ‘900 grazie alle sue opere e alla sua personalità.
La mostra espositiva “Ruth Orkin. Leggenda della fotografia” al Museo Civico di Bassano fino al 2 maggio 2022, intende celebrare l’opera di questa pioniera del foto-giornalismo nel centenario della sua nascita.
Potrai ammirare le 110 opere esposte tra cui “VE-Day”, “Jimmy racconta una storia”, “American Girl in Italy” oltre a moltissimi ritratti. Tra i più famosi, quelli di Robert Capa, Marlon Brando e Woody Allen. Ruth Orkin riusciva, infatti, a donare vita alle immagini che uscivano dal suo obbiettivo e inevitabilmente all’immaginario di chi le osservava, sia che si tratti di scatti singoli sia di sequenze di fotogrammi, cioè quelle che oggi chiameremmo storytelling.
Dopo New York e Toronto, Bassano del Grappa è l’unica e imperdibile tappa italiana di questa mostra. Averla qui riempie di orgoglio la nostra città ed è un’occasione imperdibile lasciarsi trasportare dal fascino del suo “linguaggio”. Non mancare!

 

L’eterna Ebe di Antonio Canova

La mostra “Canova Ebe” rappresenta un’occasione irrinunciabile per ammirare con i proprio occhi il capolavoro scultoreo di Antonio Canova che sembrava impossibile da restaurare.
Ebe, che nella mitologia greca fu figlia di Zeus ed Era, simbolo dell’eterna giovinezza e coppiera degli Dei, risorge oggi dalle ceneri come un’araba fenice. O più correttamente dovremmo dire dai frammenti.
L’opera canoviana, infatti, fu vittima del bombardamento del 24 aprile 1945 e i suoi “resti” sono rimasti gelosamente custoditi presso il Museo Civico della città per più di 70 anni.
La ricomposizione della statua fu considerata impossibile a lungo, finché le moderne tecniche e tecnologie disponibili oggi, non cambiarono questa convinzione in una speranza.
Grazie alla scansione 3D e ad un lavoro di restauro durato quasi un anno, è stato possibile riportare in vita la splendida scultura di Ebe, una delle opere più celebri di Canova proprio in occasione del bicentenario della sua morte.
Non perderti l’opportunità di ammirare uno dei gessi più belli esistenti realizzati dal maestro di Possagno, finalmente tornato alla luce. La mostra sarà presente fino al 30 maggio 2022 nel Museo Civico della città di Bassano, proprio nel luogo che ne ha custodito “le reliquie” allo scorrere del tempo.

 

Alla reception sono in vendita dei biglietti ingresso alla speciale tariffa di € 8.00 anziché 12, senza vincolo di prenotazione di data e orario.

0 Commenti
Lascia un commento

Campi obbligatori *

Belvedere Hotel usa i cookie per offrirti una migliore esperienza di navigazione